Vaticano Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk incontra il Patriarca Bartolomeo

bartolomeo shevchuk santamarta1Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk, Capo e Padre della Chiesa greco-cattolica ucraina, ha incontrato nella mattinata del 16 settembre il Patriarca Ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I.
L’incontro ha avuto luogo in Domus Sanctae Marthae, su iniziativa di Sua Beatitudine Sviatoslav, secondo un programma delineato insieme al Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani.

Il Patriarca Bartolomeo ha spiegato all’Arcivescovo maggiore Sviatoslav ragioni per cui ha deciso di concedere l’autocefalia alla Chiesa ortodossa ucraina e ha lodato l’apertura ecumenica della Chiesa greco-cattolica ucraina. Sua Santità Bartolomeo ha anche sottolineato che si è trattato del secondo incontro con Beatitudine Sviatoslav, e ha espresso la sua gioia del fatto che i figli della Chiesa di Kyiv conservano la memoria della loro Chiesa madre di Costantinopoli.
Durante l’incontro Sua Beatitudine Sviatoslav e il Patriarca Bartolomeo hanno parlato della situazione ecumenica in Ucraina. Riguardo l’autocefalia concessa dal Patriarcato di Costantinopoli alla Chiesa ortodossa in Ucraina, Sua Beatitudine Sviatoslav ha espresso l’auspicio che “quella faciliterà il dialogo ecumenico in Ucraina, perché l’interlocutore principale della Chiesa greco-cattolica Ucraina sarà la Chiesa ortodossa locale”.
I temi dell’incontro affrontati con Sua Santità Bartolomeo sono stati anche frutto dell’Incontro dei vescovi cattolici di rito orientale in Europa, che si è tenuto a Roma dal 12 al 14 settembre, organizzato dal Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee in collaborazione con la Chiesa greco-cattolica Ucraina. Tema dell’incontro è stato “La missione ecumenica delle Chiese orientali cattoliche d’Europa oggi”.
L’Arcivescovo maggiore della Chiesa greco-cattolica ucraina ha sottolineato che “le Chiese orientali cattoliche offrono il loro contributo teologico nella stessa Chiesa cattolica in quanto aiutano a dare una espressione più ampia della sua cattolicità”. In questo senso “le Chiese orientali cattoliche possono aiutare la Chiesa universale a sviluppare il concetto di sinodalità ed anche a trovare forme nuove di esercizio del primato petrino”.
Per tutti questi motivi, è stato sottolineato infine che è necessario lanciare una commissione mista tra Chiese ortodosse e Chiese Orientali Cattoliche che “possa dare nuovo slancio al dialogo ecumenico”.

Sua Beatitudinne Shevchuk ha regalato una copia della Bibbia di Halych, uno dei documenti più antichi di Ucraina: fu infatti stampata nel 1144. La città di Halyc era sede di un principato e finora il Primate della Chiesa Greco-Cattolica Ucraina porta il titolo dell’arcivescovo Maggiore di Kyiv-Halych.
Il Patriarca Bartolomeo ha offerto come dono un libro sulla sede del Patriarcato di Costantinopoli e il francobollo emesso in occasione della visita di Benedetto XVI al Fanar nel 2006.