"Il popolo siriano è stato brutalmente gettato nella povertà". Intervista al gesuita Antoine Audo, vescovo caldeo di Aleppo in Siria (+ foto)

Sete bambini poveriDi Maria Lozano, ACS. 19 novembre 2020  -- In Europa, o meglio nei paesi dell'Occidente, quasi nessuno parla ancora della Siria. La guerra è davvero finita?  --   No, la guerra non è ancora finita, in particolare non a Idlib, intorno ad Aleppo o nella regione della Jazira, nella Siria nord-orientale. La violenza nelle regioni settentrionali ha un effetto negativo su tutta la Siria e il popolo siriano è in gravi difficoltà.

 

 Perché crede che la comunità internazionale abbia dimenticato la Siria? 

Le grandi potenze hanno raggiunto i loro obiettivi: l'indebolimento dello Stato Siriano, lo sfruttamento delle risorse petrolifere nella regione della Jazira da parte degli USA e l'insediamento nel nostro Paese, a Idlib e intorno alla Jazira, da parte dei Turchi. A questo punto, l'economia siriana è stata completamente distrutta e il popolo Siriano è stato brutalmente portato nella povertà.

Laddove è possibile, avviene la ricostruzione? 

La ricostruzione sta facendo progressi molto incerti; è tangibile nei negozi e nei souk della città vecchia di Aleppo così come in alcune case. Tuttavia, la mancanza di elettricità e benzina sono gravi problemi che ostacolano una vera rinascita dell'economia e la ricostruzione.

Fotografia di Mons. Antoine Audo, vescovo caldeo di Aleppo in Siria

La pandemia COVID-19 ha avuto un forte impatto sulle persone? E se sì, in che misura?

La minaccia è onnipresente. I nostri ospedali non hanno quasi attrezzature e non abbiamo mezzi per monitorare la situazione a causa dello stato generale di povertà. Tuttavia, nonostante ciò, possiamo ancora dire che per come stanno le cose oggi, l'impatto della pandemia avrebbe potuto essere molto peggiore.

Aiuto alla Chiesa che Soffre fornisce assistenza medica ai Cristiani di Aleppo. Cosa è attualmente necessario lì e per chi è importante questo aiuto?

Questo aiuto, di cui sono responsabile per conto dei vescovi cattolici di Aleppo, è molto importante perché ci consente di fornire un'assistenza regolare ai Cristiani che hanno bisogno di sottoporsi a operazioni negli ospedali. Siamo molto grati ad Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN ) . L'aiuto fornito da ACN copre fino al 70% dei costi per le operazioni in ospedale.

Abbiamo sentito che famiglie Cristiane sono tornate in Siria. Da dove vengono? Da altre regioni della Siria, dalla Turchia o dal Libano?

Il loro ritorno dipende dalle rispettive regioni e dalla situazione economica del luogo in cui vivevano. Stanno tornando dal Libano a causa della crisi economica in quel paese. Non stiamo vivendo un'ondata massiccia di persone che tornano ad Aleppo. Forse altri stanno tornando nelle regioni lungo la costa.

Come sarà il futuro della comunità Cristiana in Siria?

In qualità di rappresentanti della Chiesa, stiamo facendo del nostro meglio per mantenere la nostra presenza. Ciò è evidente nella ricostruzione delle chiese, delle case e delle scuole in tutta la Siria e in particolare ad Aleppo, anche grazie al sostegno della fondazione pontificia ACN . Anche come minoranza, il nostro futuro dipende dal fatto che siamo una Chiesa vivente e rimaniamo fedeli alla Grazia che riceviamo al nostro Battesimo.

https://www.churchinneed.org/the-syrian-people-have-been-brutally-driven-into-poverty/

Natale in vista, i regali destinati ai bambini in Siria

Da secoli i cristiani celebrano il più grande di tutti i doni all'umanità, la venuta di Dio nel mondo, con doni e regali, soprattutto per i più piccoli. In tal modo stanno seguendo la tradizione di Betlemme, quando pastori e saggi vennero ad adorare il Bambino, donandogli i tesori più preziosi che potevano. Dio stesso è diventato un bambino, e per questo motivo anche i bambini più piccoli fanno parte del Natale. Eppure, in paesi come la Siria, dopo nove anni di guerra, sono i bambini i grandi perdenti, vittime di traumi, malattie e malnutrizione.

È il caso della piccola Sandra che, a due anni e mezzo, non pesa ancora più di 15 libbre. Suo padre era un farmacista ad Aleppo ed è morto per un tumore al cervello due anni fa. Suo fratello maggiore Mjad ha quattro anni ed è autistico. La loro madre Laura riesce a malapena a guadagnare abbastanza per sfamarli. 

A parte la pandemia, le sanzioni economiche stanno asfissiando la popolazione. Scarseggiano elettricità e combustibili per riscaldamento, una questione critica in vista dell'arrivo imminente del rigido inverno, che in molte città siriane porta con sé neve e temperature gelide.

Dall'inizio della guerra in Siria, attraverso una serie di diversi progetti, Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) ha aiutato famiglie come quella di Laura a soddisfare queste necessità di base. Quest'anno, nel periodo natalizio, l'associazione vuole anche portare un piccolo raggio di speranza stagionale per Sandra, suo fratello Mjad e migliaia di altri bambini siriani poveri, non solo ad Aleppo ma anche a Damasco, Homs, Kameshli, Hassakeh, Swidaa e Horan. 

E così sponsorizza un'iniziativa, con il sostegno di suor Annie Demerjian e della sua Congregazione di Gesù e Maria, per cui 25.000 calde giacche a vento vengono ora tagliate e cucite insieme nei laboratori di sartoria e cucito degli artigiani e artigiane locali di Aleppo.

"Vogliamo regalare loro giacche a vento in questo freddo inverno che è pungente, non solo per tenere al caldo i nostri bambini ma allo stesso tempo per dare una spinta all'economia locale aiutando le nostre piccole fabbriche locali attraverso la produzione di questi indumenti", suor Spiega Annie.

Imad sta lavorando nel suo piccolo ufficio, stampando i modelli delle giacche a vento. Spiega quanto è grato: "per questo nuovo lavoro da ora, a Dio piacendo, avremo un po' di sicurezza economica per i prossimi mesi ". A un paio di chilometri di distanza, Rami sta azionando una macchina che taglia i modelli in una delle tante piccole officine di Aleppo a cui è stato affidato questo lavoro. Nell'officina sono ammucchiati rotoli di tessuto e materiale di imbottitura per l'isolamento dal freddo. “Siamo molto grati per questo lavoro. L'ordine è arrivato in un momento molto critico in cui eravamo alla disperata ricerca di lavoro. Sapete quanto è grave l'attuale situazione economica nel paese. Quindi è una grande gioia per noi essere in grado di sostenerci nei prossimi mesi, grazie a questo progetto di ACN. Che Dio vi ricompensi! ”, aggiunge l'operaio siriano.

 

Suor Annie è contenta anche perché ha potuto approfittare di un'ottima occasione per prenotare il materiale qualche mese fa, prima dell'inevitabile scarsità invernale di materiale, e anche per poter scegliere tanti colori diversi. Aggiunge: "Insieme possiamo mettere un sorriso sui volti dei bambini". 
© 

https://www.churchinneed.org/25000-warm-anoraks-are-now-being-cut-and-stitched-together-in-the-dressmaking-and-tailoring-workshops-of-local-craftsmen-and-craftswomen-in-aleppo/